Prof. Campitiello Ferdinando

Il Prof. Ferdinando Campitiello

Il prof. Campitiello, medico-chirurgo specialista in chirurgia generale e chirurgia vascolare, di origine salernitana, lavora presso l’Azienda ospedaliera universitaria della Seconda Università degli Studi di Napoli (S.U.N.) Unità Operativa di Chirurgia Geriatrica. In tal sede, oltre ad una vasta esperienza di chirurgia generale, segue con dedizione da circa 30 anni i pazienti con ulcere cutanee e piede diabetico.

Autore di numerose pubblicazioni scientifiche di interesse internazionale, protagonista della ricerca scientifica, dello studio, della pratica clinica e chirurgica nel trattamento delle ulcere cutanee e del piede diabetico, ha sviluppato negli anni competenze, conoscenze e meriti riconosciuti in numerosi corsi e congressi, sia a livello nazionale che internazionale oltre che in conferenze scientifiche.

A tal merito, gli è stato riconosciuto ed assegnato il titolo di responsabile del Centro di Eccellenza per lo Studio e il Trattamento delle Ulcere Cutanee ed il Piede Diabetico, presso l’azienda ospedaliera-universitaria S.U.N.

conosci il team

Curriculum

Nato il 17 dicembre 1954, ha conseguito la Laurea in medicina e chirurgia presso la Seconda Università degli Studi di Napoli nel 1982.

Sempre a Napoli si specializza, prima nel 1988, in Chirurgia Vascolare e successivamente nel 1994 in Chirurgia d'Urgenza e Pronto Soccorso.

È stato docente di Chirurgia Geriatrica nel corso di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia della Prima Facoltà di Napoli dal 1991 al 1998 e del corso di perfezionamento in Chirurgia Ambulatoriale della Seconda Università di Napoli dal 1998 al 2000.

Ep del Dipartimento di Geriatria, Gerontologia e malattie del metabolismo (Seconda Università di Napoli) dal 2001 al 2011 e docente di Riparazione Tissutale presso l'Università di Pisa dal 2002 al 2005, nel 2009-2010 insegna nel Master di primo livello in Wound Care presso l'Università Sapienza di Roma.

Dal 2010 ad oggi è docente del Corso integrativo di "Riparazione Tissutale" presso la scuola di spacializzazione in Chirurgia Vascolare dell'università Federico II di Napoli e dal 1997 al 2011 è responsabile di una sezione per lo studio e la cura delle Ulcere Cutanee presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, dipartimento di geriatria, gerontologia e malattie del metabolismo.

È stato coordinatore di diversi corsi, in particolare della I, II e III Edizione del corso di aggiornamento New Technologies and Regenerative Surgery in Wound Care - Advanced Live Course dal (2012-2013-2014).

È membro del consiglio direttivo AIUC (Associazione Italiana Ulcere Cutanee) di cui è tutt’ora responsabile del comitato Scientifico del provider.

Ha al suo attivo numerosissime pubblicazioni scientifiche edite anche su riviste scientifiche internazionali.

Vai alle pubblicazioni

Ridurre il numero di amputazioni maggiori è possibile con l'intervento di personale sanitario specificamente formato

L’impatto della malattia del piede diabetico sulla vita delle persone è devastante. In molti casi, l’ulcera è un evento centrale che porta ad una progressione di risultati disastrosi. Queste complicazioni non solo rappresentano, una grande tragedia personale per ogni malato con costi enormi per i pazienti affetti da diabete e le loro famiglie, ma anche un notevole onere finanziario per la Sanità e per la società in generale. Lo spettro delle lesioni ai piedi è strettamente dipendente dalle differenti condizioni socio economiche, e dall’adesione agli standard di cura.

L'ulcera non nasce difficile ma lo può diventare, se mal curata